Saluti di inizio d’anno del dirigente scolastico

 

C’è una frase che mi segue come un’ombra. “Fai luce e chi sta intorno troverà la strada”.

E’ una frase di Ella Baker, attivista americana per i diritti umani.

E’ una frase bellissima che ogni volta che la leggo e la ripeto, mi lascia senza fiato.

E’ questo il mio augurio per il nuovo anno, bambine e bambini, ragazze e ragazzi, personale scolastico in attesa di iniziare la fila dei giorni nuovi e preziosi che si chiama scuola.

Fai luce. Chi ti sta intorno troverà la strada.

Non importa se sei solido faro o fiamma di cerino. Comincia a fare luce.

Non aspettare che qualcuno lo faccia al posto tuo.

Ha bisogno di luce il buio che ci portiamo addosso. La luce che spalanca le tende, rosicchia l’intonaco dei muri, fa crescere le piante.

Fare luce per lasciare spazio alla guida delle stelle. Proteggere le candele nel vento.

Procurarsi quanto è necessario per accendere un fuoco. Alimentarlo, riscaldarsi.

Fai luce, tutte le volte che il buio si posa sulle spalle come un gelo insistente.

Fai luce. Non permettere che il buio entri nelle nostre case, nelle nostre scuole. Nel nostro cuore.

Fai luce. Per fare splendere il nostro piccolo universo.

Buon anno scolastico duemilaventidue/duemilaventitre.

E grazie sempre, a prescindere.

Maria Natalia Iiriti